Ci sono alberi, ci sei tu…


Nelle librerie da aprile 2016 Edizioni Il Ciliegio il mio nuovo libro…

“Ci sono alberi” che anche se nudi non sentono freddo perché vengono abbracciati; che sono vestiti di colori quando “intorno è grigio”; che sono altissimi e quasi sfiorano “le nuvole”; che sono “bambini” e “le nuvole” non le hanno ancora conosciute; che vengono rallegrati da “piccole luci” quando le “notti” sono “tiepide”; che si guardano allegri in specchi d’acqua; che si stagliano felicemente alla “luce calda del sole”; che donano riparo dal sole cocente; che sono molto ospitali; che sono “timidi” e accolgono “pochi amici”; che ascoltano tante storie; che possono raccontare tante cose. E poi “ci sono bambini” che non sentono freddo perché vengono riscaldati dagli abbracci; che indossano abiti di mille colori anche se sono circondati dal “grigio”; che sono capaci di toccare “il cielo”; che devono ancora nascere e “il cielo” devono ancora vederlo; che illuminano l’oscurità “con piccole luci”; che si specchiano felicemente; che adorano riscaldarsi con la “luce del sole”; che cercano riparo dal sole che scotta; che amano accerchiarsi di tantissimi compagni; che, guidati dalla timidezza, cercano “pochi amici”; che ascoltano storie di alberi e bimbi felici. “Ci sono alberi” che anche se nudi non sentono freddo perché vengono abbracciati; che sono vestiti di colori quando “intorno è grigio”; che sono altissimi e quasi sfiorano “le nuvole”; che sono “bambini” e “le nuvole” non le hanno ancora conosciute; che vengono rallegrati da “piccole luci” quando le “notti” sono “tiepide”; che si guardano allegri in specchi d’acqua; che si stagliano felicemente alla “luce calda del sole”; che donano riparo dal sole cocente; che sono molto ospitali; che sono “timidi” e accolgono “pochi amici”; che ascoltano tante storie; che possono raccontare tante cose. E poi “ci sono bambini” che non sentono freddo perché vengono riscaldati dagli abbracci; che indossano abiti di mille colori anche se sono circondati dal “grigio”; che sono capaci di toccare “il cielo”; che devono ancora nascere e “il cielo” devono ancora vederlo; che illuminano l’oscurità “con piccole luci”; che si specchiano felicemente; che adorano riscaldarsi con la “luce del sole”; che cercano riparo dal sole che scotta; che amano accerchiarsi di tantissimi compagni; che, guidati dalla timidezza, cercano “pochi amici”; che ascoltano storie di alberi e bimbi felici.

Acquistalo QUI  o in libreria

image